[INCHIESTA] Le nostre pensioni da fame

La cosa non è nuova ma purtroppo ancora molti non prendono la cosa affatto sul serio. Uno dei primissimi episodi della JobTV trattava di questo ed ora sono a riportarti l’ennesima recente conferma: un articolo di LINKIESTA che recita “Ora è ufficiale, le nostre pensioni saranno da fame”.

 

Di fronte a queste notizie tu cosa fai?

Anni fa io personalmente mi limitavo a deprimermi e sentire l’ansia che aumentava. Inveivo contro il governo ladro, inveivo contro la crisi e contro le circostanze.

Peccato che fosse completamente inutile. Nessuna delle mie proteste e invettive mi avrebbe mai portata a risolvere il problema.

Poi ho scoperto il filone della formazione per la cosiddetta Libertà Finanziaria. Un concetto affascinante che parte dal dire che, se non vuoi continuare ad essere vittima della mancanza di soldi oggi come in futuro, devi diventare un imprenditore o un investitore. Uno cioè che smette di scambiare il proprio tempo per denaro e che impara invece a sfruttare l’effetto leva dei soldi per generare altri soldi.

Bellissimo, fantastico peccato però che in giro il numero di persone che ci riescono è pari ad un piccolissimo zero virgola qualcosa %.

Tutti gli altri restano in un limbo immenso fatto di ignoranza, speranza, tentativi di giocare all’Enalotto o di aprire un’attività in proprio solo per poi scoprire di non riuscire a guadagnarci nulla quando però ormai si sono già fumati tutti i soldi che avevano da parte o, peggio, hanno contratto un debito parecchio più grosso delle loro spalle.

La soluzione allora qual è?

La soluzione non è quella della maglietta ovviamente!
La soluzione è qualcosa di più articolato e parecchio più intelligente.
 
“Cosa allora? Mettermi in proprio?”
“Aprire un conto di trading online?”
“Investire in bitcoin?”
“Cominciare un’attività di network marketing?”
“Fare qualche corso particolare?”
“Andare all’estero?”
 
NO.
O meglio: NO se prendi una di queste soluzioni come “la soluzione dei tuoi mali”, con la credenza-speranza che da sola una di queste scelte ti permetterà di uscire dai guai.
 
La realtà delle cose è molto diversa dalla teoria che puoi imparare in qualche corso o leggere in qualche post su Facebook.
 
Esiste un solo modo per il 95% delle persone oggi (il 5% sono i fuori classe che non fanno testo) di uscire dai guai della crisi e dell’economia.
 
Un modo che prevede di cambiare approccio al lavoro, sia nel modo di cercarlo, sia nel modo di FARLO.
Quando smetti di essere uno dei tanti lavoratori P.I.R.L.A. e diventi invece un lavoratore Superstar, un I.N.S.O.S.T.I.T.U.I.B.I.L.E.E. – come spiego nel libro “LAVORO!” allora hai l’unico modo reale e alla portata di tutti per cambiare il tuo futuro lavorativo, professionale ed economico.
 
Quello è l’unico modo per traghettare in sicurezza verso la libertà finanziaria, senza rischiare di buttare ai pesci tutto quello che puoi aver costruito nel frattempo per paura di quello che sta per succedere nel futuro con la crisi, la mala politica e tutto il resto.
 
Il punto è che c’è un salto enorme, quasi immenso per la maggior parte di noi, da fare per arrivare ad essere imprenditori che guadagnano (essere un imprenditore che fallisce è facilissimo oggi).

Un salto che vede la maggior parte delle persone schiantarsi nella voragine fra le due sponde.

Questo succede perchè tutti continuano a tentare di passare alla sponda della libertà finanziaria con un solo salto. Cerco di spiegarti meglio. Supponiamo tu sia adesso un libero professionista o un dipendente o un autonomo con la tua brava piccola attività.
Hai un guadagno decoroso ma di certo nulla che ti permetta di mettere da parte soldi per diventare un investitore.

Supponiamo anche che tu abbia ben capito che la faccenda della pensione è una faccenda da dimenticare, morta e sepolta. (Se ancora hai dubbi allora vai a leggerti l’articolo de LINKIESTA). Succede così quindi che tu ti ritrovi in questo momento in una fase più o meno avanzata del processo di trovare una soluzione alternativa:

  • Fase 0:
    Oddio moriremo tutti sotto un ponte
  • Fase 1:
    Piove sempre sul bagnato, possibile che non si possa avere un reddito base di sussistenza per tutti? (in questi casi sei pane per i denti dei furbetti dei cosiddetti network benefici stile COEMM oppure di quelli tipo Bitcoin… occhio)
  • Fase 2:
    Bisognerà pur che ci sia una soluzione… ‘spetta un pò che guardo in internet… (questa è la fase in cui sei preda ottimale di tutti i venditori di fumo online che propongono meraviglie di ogni genere che ti permetterebbero, a fronte di un investimento iniziale minimo, di guadagnare grandissime quantità di soldi grazie al potere dell’effetto leva che il loro sistema ti garantisce. Trading online con opzioni binarie, Trading con Forex, network marketing alla disperata, pay to click, pay per click, clicca-banner e simili sono grandi classici… occhio!!)
  • Fase 3:
    Ho capito che se voglio guadagnare di più devo avere soldi da investire in qualche business serio. Peccato però che di business serio non ne sai una mazza, di investimenti meno che mai… (qui arrivano le faine del “investire in immobili anche senza soldi”, quelli dei business geniali alternativi, quelli dei business “speciali” nell’Europa dell’est e quelli degli investimenti su conti gestiti online e simili… occhio!!!!!)
  • Fase 4:
    Ho capito che se voglio crearmi una libertà finanziaria devo crearmi qualcosa di mio oppure ottimizzare quello che ho. Peccato però che le uniche informazioni che hai sul come fare business sono quelle che hai visto fare in giro e, guarda caso, sono le stesse che stanno portando le aziende a chiudere costantemente ovunque.

In ciascuna di queste fasi troverai online chi ti vende la sua soluzione specifica come soluzione per tutti i tuoi mali:

devi metterti in proprio! => Corso per aprire la tua startup
devi imparare a vendere! => Corso per imparare a vendere o comunicare meglio
devi usare meglio internet e i social! => Corso di social media marketing
devi diventare imprenditore di prodotti online => Corso per infomarketer

e così facendo, passando da un corso ad un altro in continuazione puoi spendere migliaia di euro senza cambiare la tua situazione di una virgola.

La soluzione? C’è ma fa male.

La verità è che tutti e nessuno di questi corsi fanno la differenza. Niente serve e tutto serve.

No, non mi sono fumata il cervello, sto solo parlando di una verità così evidente che nessuno la vuole vedere!

Il punto è che finchè guardi a questi sistemi e corsi come la scuola e la società ti ha insegnato fino ad oggi a guardare la vita, ti saranno completamente inutili!

Prima di accedere ad uno qualsiasi di questi corsi DEVI smettere di essere e ragionare da Persona Inutile Rimovibile dal Lavoro Agevolmente ovvero un P.I.R.L.A.

Uno di quelli che il mercato, se c’è o non c’è fa lo stesso.
Quando impari a cambiare assetto di pensiero allora qualsiasi corso (serio ovviamente, ma a quel punto li sai ben distinguere), diventa efficace.

Prima è tutto inutile.

Un Lavoro Che Vale

Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Aumenta i contatti
Sì mandami Gratis il report "Lavoro. La Grande Menzogna" e iscrivimi alla newsletter
  • Non è vero, come vogliono farci credere ormai da anni che “le cose sono cambiate perché c’è la crisi”.
  • La crisi è solo la coda di un problema molto più grande, un enorme pitone pronto ad inghiottire chiunque non si adegui alla nuova situazione del mercato del lavoro.

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro!

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Scarica i primi capitoli di "LAVORO! Un Lavoro che vale per una vita che vale"

Inserisci il tuo indirizzo mail per ricevere i primi capitoli del libro in anteprima

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro!

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Iscrivimi al corso GRATIS e alla newsletter

30 spunti quotidiani e una newsletter settimanale

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro e trattati in conformità al regolamento GDPR

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco