Giovane coppia disoccupata si “inventa” un lavoro: pulire le auto a domicilio

Dopo anni passati a far lavoretti e arrangiandosi alla meno peggio, anni passati a barcamenarsi e a sostenere decine e decine di colloqui di lavoro, l’esigenza di trovare un lavoro stabile e appagante risultava sempre più impellente.

«Dopo anni di difficoltà, con questa attività abbiamo iniziato a lavorare bene»

Dallo scorso maggio Mavi e Fabrizio, si sono messi in proprio sfruttando i prodotti specifici biodegradabili non inquinati che hanno trovato su internet.

La loro proposta è quella di effettuare lavaggio interni ed estern i con questi prodotti a secco, andando così a risparmiare la componente che di solito viene più sfruttata nei lavaggi: l’acqua.

«Laviamo qualunque tipologia di mezzo, basta che ci contattino sulla nostra pagina Facebook per essere informati su tutti i trattamenti che facciamo – continua ancora Mavi – abbiamo iniziato questo lavoro a maggio e chiaramente durante i primi tempi i nostri clienti sono stati amici e parenti.

Poi siamo entrati in un circuito di concessionarie oltre che di privati e sta andando davvero bene. La concessionaria dove lavorava prima Fabrizio ha saputo della nostra attività di Professional Washing e grazie a loro adesso prepariamo le loro auto.

Abbiamo iniziato da pochi mesi e per ora il lavoro ripaga già più del previsto».

Inventarsi un lavoro… è così facile davvero?

No. La risposta è NO: inventarsi un lavoro non è affatto facile.

Se ci fai caso, leggendo attentamente la storia di questi due ragazzi, ti accorgerai presto che non avevano dei requisiti precisamente “ordinari”.

Lei, Mavi Bachis, ha 25 anni ed è originaria di Viareggio.

«Io sono di Viareggio e provengo ad una famiglia alberghiera molto conosciuta in zona. Conosco quattro lingue grazie al mio diploma. Nell’ottobre 2012 mi trasferii a Tenerife dove ho fatto per un mese e mezzo la “butta dentro”  in un ristorante ma il giorno prima di andare a vivere là, mi sono fidanzata con Fabrizio».

Nel resto del racconto Mavi dice chiaramente di avere fatto tantissimi tentativi per trovare un posto di lavoro attraverso il curriculum: “quattro anni passati a barcamenarsi e a sostenere decine e decine di colloqui di lavoro (talvolta delle vere e proprie bufale)”.

Fabrizio, meccanico qualificato, ha lavorato per anni in una concessionaria della zona industriale del Terrafino, ma quando la concessionaria ha dovuto fare i conti con un esubero di lavoratori in quella filiale, ha ritenuto più semplice tagliare fuori lui, il più giovane e senza figli a cui provvedere. «La situazione era pesante – racconta Mavi Bachis – il mio fidanzato aveva trovato in vendita un lavaggio auto a vapore ma costava decisamente troppo, allora guardando su internet abbiamo visto alcuni prodotti specifici in vendita per il lavaggio a secco delle auto e abbiamo deciso con un po’ di coraggio di lanciarci in questa avventura».

Ora ti faccio una proposta: prendi questa storia e riscrivila come se fosse il frutto di una serie di scelte consapevoli, non una serie di coincidenze casuali. Ti ritroverai con la formula perfetta per replicare (senza tentare ad indovinare) un successo professionale in qualunque campo tu sia.

Perchè vedi, il punto è proprio qui: anche quando i nostri antenati preistorici hanno scoperto il fuoco per caso hanno pensato che fosse un “caso”, un “colpo di fortuna”. Lo vedevano scendere dal cielo… et voilà. “Devono essere stati gli dei!”

Oggi uno direbbe “Eh, ha avuto culo…”

Ma come per i nostri antenati, la realtà dei fatti è ben diversa: c’è una scienza che spiega come si fa ad accendere il fuoco. E c’è una scienza per avere risultati sul lavoro oggi.

Solo che se non la conosci sei per forza di cose destinato a pensare che sia stata fortuna e che, magari, a te quella fortuna non capiterà mai.

Quando invece hai in mano il codice per capire il “linguaggio macchina” del mercato del lavoro, tutto diventa immediatamente chiaro e la fortuna non c’entra niente!

Rivediamo quindi gli ingredienti di successo che hanno portato queste persone a trovare un’idea che funziona:

  1. Preparazione. Mavi conosce 4 lingue, non si è accontentata di rimanere a lamentarsi della vita e della crisi. Ha viaggiato ed era pronta a trasferirsi all’estero pur di fare nuove esperienze e migliorarsi. Finchè non hai figli a carico e te lo puoi permettere, questa è sempre una gran bella soluzione per aprirti gli orizzonti. Se non fossi rimasta a lavorare nel nord Italia come una nomade per più di 10 anni non avrei visto e conosciuto tutto quello che ho conosciuto. Se fossi rimasta nel mio “paesello” della bassa padana molto probabilmente oggi non sarei qui.
    Se hai figli e famiglia e non puoi muoverti da casa, non disperare. Grazie ad internet puoi andare virtualmente ovunque e studiare sostanzialmente qualsiasi cosa. Però lo devi voler fare.
  2. Esperienza. Fabrizio ha lavorato in una concessionaria. Più o meno consapevolmente gli era chiaro che tutte le auto hanno bisogno di essere lavate. Che un’auto lavata ti fa fare miglior figura e che, per contro, a parte qualche raro appassionato, tutto il resto del mondo (me compresa) odia lavare la propria auto!
  3. Curiosità e ricerca di soluzioni creative. Avrebbero potuto dire che, siccome acquistare l’autolavaggio costava troppo, erano spacciati. Che il mondo era brutto e cattivo e loro non potevano farci niente. Invece hanno usato la strategia di cui parlo nel mio video “Fare di più proprio quando hai di meno“. Hanno trovato l’idea vincente proprio lì dove sembrava fossero arrivati ad un vicolo cieco. Cosa gli è servito? Determinazione a trovare una soluzione a qualunque costo (altro elemento fondamentale di cui parlo in dettaglio nel mio libro), curiosità e ovviamente il nostro sempre caro zio Google 😉

Come vedi, la fortuna – quando sai le regole del gioco – non c’entra molto. O quanto meno, la strada che devi fare per arrivare ad una meta sorprendente diventa fattibile, oltre che molto più breve!

Ti starai chiedendo: ok tutto interessante.

Ma per arrivare al risultato ottimale nel minor tempo possibile (che è tutt’altra cosa, molto più reale, che non sognare “un lavoro migliore”), in pratica come si fa?

  1. Continui a sbattere la testa nel web rincorrendo farfallose promesse profumose, a base di “lavoro dei sogni”, “fantacurriculum”, “legge di attrazione applicata al marketing”
  2. Vieni a dare un’occhiata al frutto dei miei 10 anni di studio e sperimentazione con cui ho messo a punto una versione specializzata per trovare lavoro dello stesso sistema INGEGNERISTICO (non psico-fuffistico!) che ha permesso alla Toyota di essere leader incontrastata per anni nel mercato automobilistico, battendo Ford e gli americani. Lo puoi scaricare GRATIS da qui => www.unlavorochevale.it

Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Aumenta i contatti
Sì mandami Gratis il report "Lavoro. La Grande Menzogna" e iscrivimi alla newsletter
  • Non è vero, come vogliono farci credere ormai da anni che “le cose sono cambiate perché c’è la crisi”.
  • La crisi è solo la coda di un problema molto più grande, un enorme pitone pronto ad inghiottire chiunque non si adegui alla nuova situazione del mercato del lavoro.
Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Scarica i primi capitoli di "LAVORO! Un Lavoro che vale per una vita che vale"

Inserisci il tuo indirizzo mail per ricevere i primi capitoli del libro in anteprima

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro!

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Iscrivimi al corso GRATIS e alla newsletter

30 spunti quotidiani e una newsletter settimanale

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro e trattati in conformità al regolamento GDPR

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco