Anno nuovo, lavoro nuovo: consigli, strategie e trend per il 2020

Un lavoro nuovo per l’anno nuovo è l’idea stuzzicante che si avvicina insieme a panettoni e lucine di Natale. Capire però se è davvero il momento di cambiare lavoro, senza rischiare di perdere quello che di buono hai in questo momento, può essere difficile. Al punto da rischiare di lasciare che il tuo proposito di lavoro nuovo per l’anno nuovo finisca per rimanere nella valigia dei buoni propositi senza mai uscirne.

In questo post vediamo quindi

  • i trend per il futuro del lavoro che verrà,
  • tre consigli per capire se è davvero il momento giusto per cambiare e
  • una strategia per evitare pericolosi passi falsi

Nuovo lavoro per vivere meglio: cambiare mestiere fa bene

Sì, cambiare mestiere fa bene. Soprattutto se in questo momento ti senti annoiato o, peggio, demotivato.

Non è solo la ‘caccia’ ad uno stipendio migliore a spingere verso la ricerca di un lavoro diverso.

C’è chi guadagna bene ma vuole uno stile di vita diverso e più libero.

Chi ha scoperto di avere una passione che ha bisogno di vedere finalmente la luce. O chi ha rinunciato ad una passione per troppo tempo e adesso sente che non è più tempo per rimandare ancora.

Però nuovo lavoro significa potenzialmente una grande rivoluzione. L’idea di cambiare abitudini, di liberarti da stress e disturbi, di dare finalmente sfogo alle tue vere passioni è tanto affascinante quanto spaventosa. Certo, la routine per molti è una delle grandi fonti di infelicità. Ma il cambiamento spaventa l’essere umano almeno quanto l’acqua spaventa i gatti.

Dobbiamo essere consapevoli di questi condizionamenti (in molti abbiamo un mutuo da pagare e una famiglia da mantenere), ma anche dei nostri desideri e non temere di partire alla ricerca di una soluzione migliore.

Eccoti quindi alcune statistiche che possono rinforzare la tua decisione di puntare ad un lavoro nuovo, più soddisfacente, remunerativo e gratificante.

Cambiare lavoro fa bene: ecco i numeri delle statistiche da engageforsuccess.org
  1. Non sei l’unico, rilassati!
    Secondo l’ISTAT un terzo degli occupati con figli è insoddisfatto del tempo dedicato alla famiglia. Quasi tre milioni e mezzo di occupati con figli o con altre responsabilità di cura (il 35,8% del totale) vorrebbe modificare l’equilibrio tra lavoro retribuito e lavoro di cura: il 6,7% dedicando più tempo al lavoro extradomestico e il 29,1% trascorrendo più tempo con i propri figli e/o altre persone bisognose di assistenza.
  2. Le aziende cominciano ad apprezzare lo smart working, abbi fiducia!
    I risultati di uno studio di IDC, che ha analizzato a livello europeo le strategie aziendali relative a tecnologia e forza-lavoro commissionato da Dell Technologies e VMware, evidenzia come il 55,56% delle imprese italiane (small-medium ed enterprise) offre – o sta pianificando di offrire – ai propri dipendenti un orario di lavoro flessibile, mentre il 44,44% si sta concentrando sulla location.
  3. I team di persone appassionate di ciò che fanno producono il 21% di profitto in più dei loro colleghi non coinvolti.

5 cattivi motivi per iniziare un nuovo lavoro e una nuova vita

Una delle regole meno seguite eppure più importanti quando si vuole cambiare lavoro è: MAI CAMBIARE SOLO SULL’ONDA DELLA NEGATIVITÀ. Fai molta attenzione quando ti ritrovi a pensare:

  1. Non ne posso più
  2. Non mi sento valorizzato
  3. Non guadagno abbastanza
  4. Non ho mai tempo per nient’altro che il lavoro
  5. L’ambiente di lavoro mi soffoca
Effetti dello stress sul lavoro

Non c’è niente di più facile che prendere una decisione mossi dalla frustrazione, dalla rabbia o dal dispetto.

Ma scegliere per reattività o per rifiuto è quanto di pericoloso tu possa fare.

I momenti no capitano a tutti. I lavori no purtroppo ci sono. Ma proprio per questo se vuoi davvero cambiare è indispensabile che tu ti fermi, cerchi per quanto possibile di liberarti dalle emozioni negative e a mente lucida fai un’oggettiva valutazione.

Dei tuoi punti di forza, dei tuoi punti di debolezza e soprattutto delle reali possibilità che hai davanti.

Quando fai questo lavoro fatto bene puoi scoprire che in realtà le opzioni disponibili sono molte più di quelle che credi. In questo articolo Cambiare lavoro? 4 domande prima di decidere ti spiego le domande da fare prima di prendere qualsiasi decisione.

Chi lascia il lavoro vecchio per uno nuovo sa quello che lascia ma…

Ma non sa quello che trova, vero?  

Anche se fai tutto per bene e ti costruisci un buon piano di carriera, prima o poi arriverà molto probabilmente quella malefica vocina pronta ad instillarti ogni forma di dubbio.

  • E se poi finisco dalla padella alla brace?
  • Se le cose poi non sono come me le immagino?
  • Se poi mi ritrovo a fare la scelta sbagliata e a prendere il lavoro sbagliato?
  • Se poi rimpiango il lavoro che lascio?

E’ più che lecito e normale avere questi dubbi. Proprio per questo è veramente importante che tu non lasci la tua scelta né al caso né alla rabbia o alla frustrazione.

Devi aver chiaro il tuo prossimo obiettivo di carriera e soprattutto il perché lo vuoi raggiungere. Solo così avrai la forza per superare tutti i momenti duri che potrebbero capitare.

Prima di cercare un nuovo lavoro

Perciò, se sei ancora nella fase di valutazione, prima di metterti a cercare un nuovo lavoro, fai molta attenzione a non perdere tempo nel web scorrendo annunci di lavoro o rincorrendo proposte di consulenza per aiutarti a preparare un fantomatico CV perfetto.

Consigli per trovare un nuovo lavoro

Arrivati a questo punto ti sarà assolutamente chiaro che i passi migliori per trovare un nuovo lavoro sono:

  1. Fare massima chiarezza sul perché vuoi cambiare, davvero
  2. Formulare il motivo per cui vuoi cambiare in modo propositivo. Anziché dire “perché odio il mio lavoro, non ne posso più” dì piuttosto “perché voglio un lavoro all’altezza delle mie qualità e che mi permette uno stile di vita finalmente soddisfacente”
  3. Essere dettagliato sui risultati che ti aspetti dal potenziale nuovo lavoro: cosa deve avere per poter essere soddisfacente? Cosa ti deve permettere di fare e di non fare? Sii specifico. Solo così potrai avere parametri per valutare le possibilità che arriveranno
  4. Crea un piano di gestione della tua carriera: fai un bilancio delle tue competenze, fai un piano per aumentare il valore che sei in grado di portare sul mercato e studia una strategia efficace per comunicare al mondo che esisti e quanto vali.

Il trend dei nuovi lavori per il 2030

Ma quali saranno i nuovi lavori che avranno più probabilità di successo nel futuro?

Se proprio vuoi farti un giro turistico su alcuni fra i principali centri studi in campo occupazionale, a partire dal Bureau of labor statistics del Dipartimento americano del Lavoro, le risposte sono piuttosto scontate. “I settori più all’avanguardia saranno indubbiamente quelli ad alto contenuto tecnologico e della green economy. Ma anche la più tradizionale assistenza alla persona avrà un forte sviluppo, a causa dell’invecchiamento della popolazione.”

Ma se mi segui da qualche tempo saprai che sono assolutamente contraria a questa domanda per principio: nel mercato del lavoro liquido in cui viviamo oggi, hai la possibilità di ritagliarti praticamente qualunque tipo di lavoro sia nelle tue corde. Hai solo bisogno di una strategia per farlo al meglio.

Per questo ho creato un video training gratuito Aggiusta il tuo lavoro in 13 passi, per guidarti a mettere a punto la tua strategia nel modo più rapido ed efficace possibile. Approfittane subito!

Oppure vieni a trovarci nel gruppo dei LavorArtisti su Facebook: potrai farmi le tue domande e trovare altre persone in corso di cambiamento come te!

2 commenti

  1. Daniele

    5 mesi fa  

    Molto bello e interessante. Una analisi chiara e puntuale sul vero senso del lavoro+vita …. dare un senso alla propria esistenza finalizzata a quello che vogliamo essere noi, e quelli intorno a noi che amiamo.


Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Aumenta i contatti
Sì mandami Gratis il report "Lavoro. La Grande Menzogna" e iscrivimi alla newsletter
  • Non è vero, come vogliono farci credere ormai da anni che “le cose sono cambiate perché c’è la crisi”.
  • La crisi è solo la coda di un problema molto più grande, un enorme pitone pronto ad inghiottire chiunque non si adegui alla nuova situazione del mercato del lavoro.

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro!

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Scarica i primi capitoli di "LAVORO! Un Lavoro che vale per una vita che vale"

Inserisci il tuo indirizzo mail per ricevere i primi capitoli del libro in anteprima

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro!

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Iscrivimi al corso GRATIS e alla newsletter

30 spunti quotidiani e una newsletter settimanale

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro e trattati in conformità al regolamento GDPR

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Accedi GRATIS alla GUIDA

VIDEO + REPORT "Aggiusta il tuo lavoro in 13 passi"

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro!

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco